Ti ala finestra

Te spio.
Come spio i brazzi dela sera
e le ombrie dela luna.
Passa ‘ntéi to òci
i penséri del temp,
quant temp,
tut nòs ensieme.
Gh’è scònta la to paura,
la me paura,
de pèrderne…
Gh’è na malinconia
dolza, na parola sotovoze,
en zic picenin, da no
dar
da véder.
Tanti ani fa – géri –
t’ò tocà la mam.
Quando che te baso,
trémo ancora.
Ti ala finestra, quela cole nùgole,
te me meti i gerani.

TU ALLA FINESTRA – Ti scruto. Come scruto le braccia della sera e le ombre della luna. Passano nei tuoi occhi i pensieri del tempo, quanto tempo, tutto nostro assieme. C’è nascosta la tua paura, la mia paura, di perderci… C’è una malinconia dolce, una parola sommessa, un grido piccolino, da non dare a vedere. Tanti anni fa (ieri) t’ho toccato la mano. Quando ti bacio tremo ancora. Alla finestra, quella con le nuvole, tu mi metti i gerani.

(Bruno Banal – Ti ala finestra, 1997) 

Il testamento di un poeta, di una storia d’amore che vale una vita, lievissima e solidissima. Grazie.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *