Giochi senza frontiere

Oggi, in giorno di commiato di un sognatore d’Europa, suoniamo campanelli e richiami vaghi nella nebbia. IN memoria, per ricordare e guardare avanti, dopo il presente. Quattro volte

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarĂ  pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *