FUSIONE

Sguardo lungo
oltre i limiti
e i segni di ferro ed acqua
ruscellante.
Sguardo lungo
da luce a luce
a rimbalzare sui tuoi orizzonti
raggiunti.
E l’uomo
nucleo di nulla
si staglia
contro il cielo
che ha risposto
al suo grido.
Per non
ansare più
l’anima
nella polvere della strada

(Rovereto, luglio 1992)

NEVE

Uno sguardo
stupito
nel cuore
di vecchie storie,
profumo di neve
tra i tuoi passi.
Bevo leggero
dalla sera
che mi aspetta,
sorrisi bianchi
per la tua presenza.

(Rovereto, ottobre 1984)